La prima volta di una mostra zootecnica telematica A Caselette la Pezzata Rossa diventa un video-show

La prima volta di una mostra zootecnica telematica A Caselette la Pezzata Rossa diventa un video-show

E’ la prima volta di una mostra zootecnica in via telematica, e la novità è targata Piemonte. Riguarda la Mostra regionale dei bovini di razza Pezzata Rossa Italiana che si tiene in primavera a Casellette (Torino), in concomitanza con la storica Fiera di San Giorgio.

Quest’anno, a causa del perdurare dell’emergenza sanitaria, la manifestazione ha rischiato di essere annullata, come avvenuto per tutte le altre rassegne in programma. Solo la determinazione degli allevatori affezionati alla Mostra, sostenuti dall’amministrazione locale guidata dal sindaco Pacifico Banchieri, dall’Arap e dall’Anapri, ha fatto sì che, nonostante tutto, l’evento potesse andare in scena, a fine maggio. Ovviamente le modalità sono state differenti: le passerelle sono state “virtuali”. Le bovine in esposizione sono state riprese in ogni loro particolarità (dall’orecchino allo zoom sulla mammella), e giudicate in video.

A curare l’inedita manifestazione è stato il tecnico dell’Arap Maurizio Pagge, esperto della Pezzata Rossa, su incarico dell’Anapri (l’Associazione nazionale della razza con sede a Udine) che ha varato per l’occasione un apposito regolamento. Spiega Pagge: “A questa edizione hanno partecipato sette aziende che hanno presentato complessivamente 23 bovine. Venerdì 29 maggio il giudice della mostra, Loris Zanello, ha valutato le bovine partecipanti e proclamato le vincitrici e le riserve per ognuna delle 6 categorie in cui sono state raggruppate le bovine”.

Ecco il podio della mostra: vincitrice assoluta categoria manze Clarissa della Cascina Ravetto di Orbassano (riserva Caterina dell’allevamento Savant di Balangero); categoria vacche Partensa di Rapelli Lucina Rosaria di Ala di Stura (riserva Zanta della Cascina Tetti Racca di Marene); miglior mammella Bandiera della società agricola Accastello di Caselette.

I video delle bovine e delle proclamazioni delle campionesse sono stati pubblicati il giorno stesso e sono tuttora visibili sul sito www.anapri.eu.

Osserva il direttore Arap Tiziano Valperga: “L’emergenza Covid-19 ha costretto, noi come tutti, ad annullare le esposizioni di primavera. Grazie all’Anapri e agli amici di Casellette, si sono sperimentati nuovi strumenti di confronto fra allevatori e tecnici, consentendo al grande pubblico di assistere sulla rete telematica a una qualificata rassegna bovina. Ma siamo tutti d’accordo su un fatto: le mostre virtuali non andranno certamente a sostituirsi alle tradizionali manifestazioni dal vivo. Abbiamo voglia di tornare sulle piazze e nelle fiere per ritrovarci e tenere alta la bandiera della nostra zootecnia”.